Ti sarà sicuramente capitato di innamorarti perdutamente di una borsa e, finalmente acquistarla?

Ma dopo poco tempo la borsa presenta difetti sul materiale, si è staccato il tiralampo oppure si è rotto il manico. Cosa fare?

La delusione è tanta in quanto confidavi nel buon nome e qualità del prodotto, ma a volte può capitare, non preoccuparti!

Riparare borse Guess, Liu Jo, Michael Kors, Alviero Martini, Borbonese e tanti altri marchi non è poi così difficile.

In Valigeria Ambrosetti, nell’arco degli anni, abbiamo spesso collaborato (e collaboriamo tuttora) con tanti di questi brand, ognuno con dinamiche di assistenza diverse, ma in pratica tutte accomunate dalla stessa capacità risolutiva, più o meno veloce.

Di seguito ti spiego COSA FARE nel caso in cui la tua amata borsa appena acquistata presenti difetti di fabbrica, oppure si è subito rotta.

Puoi anche ASCOLTARE il podcast:

Come riparare borse: non affidarti ad altri, contatta il negozio

La prima cosa che ti viene in mente, quando la borsa appena acquistata si rompe, è quella di rivolgerti al calzolaio sotto casa per aggiustarla? SBAGLIATO!

Qualora un artigiano metta mano alla tua amata borsa, la garanzia decade.

Quindi se provvede a ricucire la borsa oppure a riavvitare un manico, non potrai più procedere nei termini di Legge.

Ma quale Legge?

Devi sapere che lo scontrino fiscale (chiamato ora documento di vendita) rilasciato dal negoziante al momento dell’acquisto, vale per la Legge Italiana sul consumo come garanzia di 2 anni sui difetti di fabbrica.

Ecco perchè bisogna conservare sempre gli scontrini, magari facendo anche una fotocopia in modo tale che la carta chimica su cui sono stampati non sbiadisca o scolorisca.

Oppure fai una foto o una scannerizzazione e conservala nella memoria dello smartphone.

Lo scontrino, infatti, vale in tutto e per tutto come certificazione di acquisto, avendo riportato ben chiaro il codice dell’articolo e la data di acquisto.

Purtroppo tanti brand, in modo forse troppo inflessibile, non accettano resi se non in presenza di questo scontrino, ecco perché è importante conservarlo.

Affidati al negoziante di fiducia per riparare la tua borsa

Per attivare una procedura di reso, non è possibile farlo autonomamente contattando l’azienda, bensì bisogna recarsi presso il negozio dove è stata acquistata la borsa oppure presso un rivenditore autorizzato di quel brand.

Sarà il negoziante stesso a risolvere il problema.

In Valigeria Ambrosetti, ad esempio, vendiamo prodotti Alviero Martini 1^ Classe, Borbonese, Orciani, Mandarina Duck e ci interfacciamo quotidianamente con le aziende.

Può capitare quindi, che una cliente venga in negozio per chiedere come riparare borse o accessori acquistati qualche mese fa e difettati.

La procedura è semplice, segue questo iter comune a tutti i marchi a cui ci atteniamo in modo scrupoloso:

  • foto della borsa e del difetto
  • scannerizzazione dello scontrino di vendita
  • invio via mail della richiesta di reso per riparazione

Qualora la borsa non sia riparabile, ma rientri nella tempistica dei 2 anni di garanzia, l’azienda provvederà alla sostituzione del prodotto con uno nuovo.

E se ho comprato la borsa online?

Ok, ti sei innamorata di una borsa vista su una rivista e l’hai comprata online. Come procedere nel caso si fosse subito rotta?

Dipende su che sito l’hai acquistata!

Tutti i canali ufficiali dei brand – Guess, Liu Jo, Michael Kors, Alviero Martini ecc. – hanno riportato ben chiaro sulle rispettive homepage le “condizioni di vendita” con tutte le istruzioni da seguire in caso di difetti.

Sarà infatti la stessa azienda che ti contatterà e procederà alla riparazione o eventuale sostituzione.

Ma come riparare borse acquistate su Amazon, Farfetch, Zalando, eBay?

Anche questi grandi marketplace hanno una policy dedicata ai resi ben chiara che ti permette di rispedire al mittente il prodotto difettato.

Per comodità, qui sotto trovi i link diretti per avere più informazioni:

Ovviamente è esclusa dalla garanzia la naturale usura del bene o la mancanza di cura dello stesso da parte dell’utilizzatore.

Fai attenzione! Non acquistare mai su e-commerce non autorizzati, in cui non è sicura né la provenienza della merce né l’originalità del prodotto.

Il rischio di ordinare merce contraffatta, rubata o di vecchie collezioni è sempre dietro l’angolo e non vale la pena farsi allettare da sconti e promozioni in cambio di una borsa obsoleta, falsa o trafugata!

Ti è piaciuto questo post?

Leggi il nostro BLOG per scoprire tantissime curiosità sulle tue borse e accessori preferiti.

Valigeria Ambrosetti
via G. Mazzini, 6
21100 Varese
www.valigeriaambrosetti.it
T. +39 0332 281206
M. [email protected]

Scrivimi!
Ciao, sono Paolo! Come posso aiutarti?