Portafogli tascabili SECRID: Proteggi le Tue Carte!

Negli ultimi anni il contenuto dei nostri portafogli è cambiato radicalmente.

Le monete e le banconote tradizionali sono state sostituite da carte di alta tecnologia. 

Se da un lato la facilità di utilizzo è aumentata, dall’altro i rischi sono maggiori rispetto al passato. I portafogli di nuova generazione Secrid proteggono non solo il vostro denaro, ma anche la vostra privacy.

secrid-home

Mai prima d’ora un portafoglio è stato così facile da utilizzare: basta infatti un unico semplice movimento per tirare fuori le carte gradualmente.

Ciò consente di utilizzarle anche senza aprire il portafoglio ed individuare con una rapida occhiata quella desiderata per il pagamento.

Portafoglio Secrid: com’è fatto?

Il portafoglio Secrid è composto da un “card protector” in alluminio rivestito di pelle pregiata.

Il card protector protegge le carte, mentre nella sezione in pelle è possibile inserire banconote e altre carte. 

La gamma colori è vastissima come innumerevoli sono i pellami utilizzati per il rivestimento, dal cuoio, al coccodrillo, sino ai pellami glitterati per le Signore.

Tutti i portafogli Secrid vengono prodotti in Olanda con materiali artigianali e tecniche moderne.

Poiché i portafogli sono di produzione nazionale, il livello qualitativo è assolutamente certificato, infatti i componenti vengono realizzati da produttori specializzati, in laboratori protetti dal massimo rispetto ambientale.

Secrid preferisce non far produrre i propri portafogli dall’altro capo del mondo.

Quindi, siete alla ricerca di un nuovo portafoglio? 

Provate Secrid, vi stupirà! Acquistatelo sul nostro Shop Online QUI.

Ti è piaciuto questo post?

Leggi il BLOG della Valigeria Ambrosetti per scoprire tante curiosità sul mondo della valigeria e pelletteria.

Ci trovi anche su Facebook e Instagram!

Valiigeria Ambrosetti
via G. Mazzini, 6
21100 Varese
www.valigeriaambrosetti.it
T. +39 0332 281206
M. info@valigeriaambrosetti.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *