“Pronto, Sig. Ambrosetti? Buongiorno sono della redazione di “Mi manda Rai Tre”, vorremmo averla ospite in trasmissione!”

Comincia con questa telefonata inattesa la prima apparizione di Valigeria Ambrosetti in televisione [guarda il VIDEO alla fine del post].

Conosci “Mi manda Rai Tre”?

La trasmissione “Mi manda Rai Tre” è una delle più seguite e amate dagli italiani. Affronta ogni giorno problematiche diffuse tra i cittadini – salute, istruzione, fatti del giorno – nonché temi “spinosi” come fisco, consumi e lavoro.

Non solo, si occupa anche di “lifestyle” aiutando il pubblico ad avere esaustive risposte riguardo argomenti comuni di attualità e nuove tendenze.

Mercoledì 18 dicembre, rigorosamente in diretta, è andata in onda una nuova puntata di “Mi manda Rai Tre”.

Protagonista della puntata è stato il mondo della valigeria e l’evoluzione dei bagagli negli anni, dai vecchi e pesanti bauli ai trolley superleggeri.

Dopo una scrupolosa ricerca, la redazione della trasmissione ha individuato il sottoscritto Paolo, titolare della Valigeria Ambrosetti, come uno dei maggiori esperti di trolley e valigie, conoscitore di materiali innovativi e tecnologici con cui sono realizzati.

Apperò!

É stata una nomina davvero gratificante, soprattutto da chi ricerca figure professionali adatte a spiegare al pubblico gli argomenti che vengono portati in una trasmissione importante come “Mi manda Rai Tre”.

Di cosa si è parlato durante la puntata?

In trasmissione ho spiegato perché alcuni trolley sono più resistenti di altri, le dimensioni, oppure come pulirli ed eseguire la manutenzione, o ancora come impostarne la combinazione.

Tutti argomenti già affrontati in modo dettagliato nelle pagine del BLOG della Valigeria Ambrosetti.

Il presentatore Salvo Sottile si è rivolto da una strana posizione in studio!

Era appoggiato a un vecchio baule, proprio simile a quello che veniva utilizzato durante i “viaggi della speranza“, nell’immediata emigrazione degli italiani nel dopoguerra.

Conosco bene quei bauli, mio nonno ne costruiva tantissimi e li vendeva nella bottega di famiglia, l’attuale Valigeria Ambrosetti, nata nel 1930 e che fra pochi giorni compirà 90 anni.

Ma il mondo si è evoluto ed ora i bauli sono scomparsi, sostituiti da comode valigie con ruote.

Il mondo della valigeria ha una storia interessante!

La maggior parte dei trolley è super light, resistente agli urti, colorato, a differenza dei vecchi bauli, per lo più usati prima del 1950, solidi, capienti e facili da impilare uno sopra l’altro, ma incredibilmente pesanti e monocromatici.

Esistono inoltre svariati accessori per rendere unico e riconoscibile a colpo d’occhio il proprio bagaglio.

Ad esempio si possono utilizzare dei lacci colorati da annodare al manico. Oppure etichette bagaglio che vanno ad aggiungersi a quelle di carta che le operatrici aeroportuali appiccicano sulle valigie, ma che sistematicamente si perdono durante il volo.

Dopo il 1950 la valigeria ha avuto uno slancio incredibile, con i primi bagagli in polipropilene, dotati di maniglie da entrambi i lati.

Ma la vera data da ricordare è il 1988, quando un pilota di aerei di una compagnia americana, tale Robert Plath, inventò il trolley, ovvero il bagaglio a mano con l’aggiunta di ruote, ideale per i suoi spostamenti.

I trolley super leggeri sono realizzati in CURV

In trasmissione ho accennato anche ad altri materiali con cui vengono costruite le valigie, come il CURV.

Il CURV è un materiale costituito da palline di polipropilene pressate e stirate. Successivamente vengono fuse in fogli e disposti uno sopra l’altro, creando una scocca coriacea e nel contempo super leggera.

Il momento più spettacolare della trasmissione è stato, infatti, il crash test “live” che ha lasciato tutti gli spettatori presenti in studio e “a casa” a bocca aperta!

Ho piegato la scocca del trolley di 180 gradi, facendo forza sui due lati opposti del trolley, simulando le sollecitazioni a cui è sottoposto quando viene “lanciato” dagli operatori addetti al carico bagagli negli aeroporti.

Vuoi vederlo? Ecco il VIDEO!

A pochi minuti dal termine della puntata una domanda sull’account whatsapp di “Mi manda Rai tre” ha sollecitato un mio suggerimento: 

ho perso la chiave della valigia, cosa devo fare?

In realtà la chiave questo simpatico ascoltatore non l’ha mai avuta in quanto non vengono fornite in dotazione.

La serratura che si vede sulle combinazioni dei trolley, infatti, serve solo ed esclusivamente agli addetti TSA presenti negli Aeroporti degli Stati Uniti.

Successivamente agli attentati del 2011, negli States i controlli sulla sicurezza sono aumentati in modo ferreo. Tutte le valigie che transitano nel Nuovo Continente vengono ora sottoposte a una minuziosa ispezione.

Se non si possiede un trolley con chiusura TSA, la serratura viene forzata e quindi c’è il rischio elevato di doverla poi buttare in quanto danneggiata irreparabilmente.

Ora tutti i trolley sono dotati di blocco con combinazione di tre numeri che solo il viaggiatore può impostare, mentre la serratura TSA, eventualmente, sarà utilizzata solo dagli operatori doganali in aeroporto.

È stata davvero una bella esperienza, chissà se Valigeria Ambrosetti sarà ancora ospite per un intervento sul mondo del viaggio, ci sarebbero ancora un sacco di cose interessanti da dire!

Vuoi sapere tutte le curiosità sulla valigeria?

Allora segui il BLOG della Valigeria Ambrosetti, troverai tanti contenuti interessanti, consigli sulla manutenzione e pulizia delle valigie, oltre a tanti videoguide.

Trovi il negozio anche su Facebook Instagram!

Valigeria Ambrosetti
via G. Mazzini, 6
21100 Varese
www.valigeriaambrosetti.it
T. +39 0332 281206
M. info@valigeriaambrosetti.it

Scrivimi!
Ciao, sono Paolo! Come posso aiutarti?