Finalmente uno sconto come si deve…

Vedo girovagare per negozi e vetrine tantissima gente con fare assonnato, quasi assente. Uno sguardo a quella borsa, un’occhiata a un bel paio di scarpe, ma niente di che, nessuna scintilla che faccia scaturire l’impulso aggressivo di afferrare il portafoglio e comprare.

Fossimo in un fumetto dal sapore Disneyano si vedrebbe un gigantesco punto interrogativo far capolino sulle loro teste. Il rimedio è uno solo: uno sconto, forte, vero, ultrapercentualistico, reale, che trasformi la passeggiata ciondolante e affannata in uno shopping sfrenato!

In Valigeria Ambrosetti ce ne intendiamo: infatti nel periodo dei saldi non scontiamo mai i nostri prodotti con una percentuale superiore al 30%; per noi i clienti sono sacri e non vanno presi in giro: se hanno acquistato a dicembre e comunque nel periodo natalizio facendo sacrifici, perchè ora dovrebbero trovare lo stesso articolo magari a metà prezzo? E’ una sorta di rispetto reciproco. I clienti si fidelizzano, ma vanno trattati con i guanti.

In rarissime occasioni, di comune accordo con lo staff, decidiamo di apportare un ulteriore sconto solo ad un singolo brand e solo se gli articoli rimasti sono pochi. Nel gergo commerciale si definisce “sconto di fine serie”, cioè vendere a metà prezzo quei pochi prodotti rimasti, magari tutti spaiati nei modelli e nei colori, ma comunque appetibili e della stagione in corso.

Ecco allora che nascono i nostri saldi 50% sugli ultimi articoli, borse e portafogli, della collezione Autunno/Inverno 2014/15 di Armani Jeans.

Bauletti, Shopping bag, tracolline e sacche sottospalla tutte ad un prezzo finale dai 65 euro agli 80 euro.

Unico inconveniente: niente nero! Infatti il colore must-have della stagione è praticamente esaurito in tutti i modelli, quindi potrete trovare diverse occasioni, ma accontentarvi del marrone, del beige, del verde e del tortora.

Cosa aspettate? Il fumetto con il punto interrogativo lascia spazio al sorriso e ad un fantastico punto esclamativo: 50%, arrivo!

 

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *